Polizia Ferroviaria Formia: pattuglioni e vigilanza senza operatività

Cari amici, dopo anni di attività sindacale come ben sapete nel mese di giugno u.s., il sottoscritto che lavora presso il Comm.to di Formia, è stato proclamato segretario Generale provinciale del più grande Sindacato del comparto sicurezza e difesa , il S.I.U.L.P..

Con questa premessa non voglio autocelebrarmi, bensì evidenziare il fatto che almeno tre volte a settimana per ragioni sindacali, mi sposto con i mezzi pubblici, soprattutto con il treno.

Di norma, quando mi reco in Questura a Latina, prendo il treno delle ore 07,12, dove sistematicamente comandati di servizio, incontro i colleghi della Polfer di Formia, che ancora indossano ahimè l’atlantica con il cinturone bianco e i vecchi calzoni, piuttosto che la divisa operativa.. .

Il SIULP di Latina, ha sollecitato la Segreteria Nazionale, la quale a sua volta ha  segnalato al Dipartimento della P.S. in due distinte note, una a settembre e l’ultima il 5 ottobre, le richieste per l’approvvigionamento e la distribuzione delle divise operative, facendo notare che le uniformi cosiddette ordinarie, ormai utilizzate quasi esclusivamente nei servizi di rappresentanza, oltre ad essere scomode e particolarmente pericolose nei servizi a bordo treno, risultano desuete e non idonee in scenari operativi come quelli in cui agisce la Polizia Ferroviaria.

Oltre ad incalzare la Segreteria Nazionale per l’approvvigionamento della divisa operativa, questa O.S. si è fatta portavoce anche delle gravi problematiche relative alla contabilizzazione delle indennità elaborate con il sistema denominato “COMETA”, che sta determinando crescenti lamentele e un clima di giustificato malessere tra il personale, senza dimenticare poi le condizioni in cui opera il posto Polfer di Formia, che pur avendo un esiguo organico, grazie alla disponibilità e all’alto senso del dovere, quel personale riesce a garantire la presenza delle pattuglie sui treni, scorte a lunga percorrenza, anticipando soldi di tasca propria, ancora non restituiti, vigilanza scalo ecc ecc..

Grazie alla silenziosa ed incessante opera di pressione, il S.I.U.L.P., è venuto a conoscenza che agli inizi del prossimo anno, al Posto di Polizia Ferroviaria di Formia, sarà movimentato un numero congruo di personale, tanto da poter rendere meno gravoso l’operato quotidiano e dando così risposte all’utenza di efficienza, garanzia della sicurezza in ambito ferroviario, ma principalmente regalando una boccata di ossigeno all’ufficio dove l’età media è molto alta.

Follow me!