LA VOLANTE NON SI FERMA.....

L’intervento delle FF. di PP. nel rilevamento degli incidenti stradali ha sicuramente un enorme importanza, sia per il servizio reso all’utente della strada, sia per gli operatori che quotidianamente vengono impiegati per tale incombenza.

L‚Äôimportanza del tema ha fatto si che il Dipartimento della P.S. emanasse diverse circolari tra queste la  nr. 225/B/2007-104-U del 2 gennaio 2007, la nr. 558/A/414.1/23/633 datata 02.03.2007, non ultima la nr. 300/A/2/24612/124/62 del 18.05.2007.

Ricordiamo che l’art. 12 del c.d.s. prevede quanto segue:

L'espletamento dei servizi di polizia stradale previsti dal presente codice spetta:

a) in via principale alla specialità Polizia Stradale della Polizia di Stato;

b) alla Polizia di Stato;

c) all'Arma dei carabinieri;

d) al Corpo della guardia di finanza

d-bis) ai Corpi e ai servizi di polizia provinciale, nell'ambito del territorio di competenza;

e) ai Corpi e ai servizi di polizia municipale, nell'ambito del territorio di competenza.

Le diverse circolari Ministeriali che si sono susseguite, hanno lecitamente esteso la competenza dei rilievi dei sinistri stradali anche al personale delle Questure e dei Commissariati, ponendo però alcune condizioni, tra le quali:

  • la formazione del personale, che a nostro parere √® avvenuta solo in parte (una sola giornata dedicata) ed in modo non esaustivo.
  • l‚Äôimpiego in via sussidiaria degli equipaggi della Polizia di Stato, come previsto dalle circolari. Anche qui c‚Äô√® da sottolineare che gli interventi delle Volanti in materia di infortunistica stradale sottraggono la volante alla sua funzione primaria, ovvero il controllo del territorio inteso come prevenzione e repressione dei reati lasciando scoperta l‚Äôarea di competenza

La domanda che il SIULP si pone e gira all‚Äô Amministrazione √®:

se un equipaggio della squadra Volante, durante un turno serale o notturno viene distolta dalla locale S.O., per il rilevamento di un incidente stradale, in quanto, gli altri enti preposti non hanno equipaggi e contestualmente alla  rilevazione del sinistro, alla stessa Sala Operativa giunge una richiesta di intervento per rapina, omicidio, sparatoria, rissa etc. etc., gli operanti sul posto che faranno??????

La risposta naturale √®:  rimanere sul posto rilevando l‚Äôincidente.

Si d√† il fatto che a questa domanda , oltre alla risposta fisiologica, ha risposto il Comm.to di Fondi , quando nella giornata del 17 u.s., √® stata  impegnata dalle ore 22.00 fino alle ore 7,  per  il rilevamento di un sinistro con feriti gravi e delle relative incombenze.

Probabilmente a qualcuno sfugge la tempistica per effettuare i rilievi su un sinistro stradale, né quali responsabilità comporti l’erronea ricostruzione della dinamica e del fatto che ne risponde sempre e solo l’operatore che l’ha eseguita.

Alla luce di quanto esposto, chiediamo a lei Signor Questore, che:

  1. coloro che non hanno ancora effettuato il corso di formazione non rilevino sinistri stradali;
  2. siano completati i corsi presso la locale sezione di Polizia Stradale per gli uffici della Questura e del Comm.to di Cisterna, mentre per i Comm.ti distaccati di Fondi e Terracina presso il Distaccamento di Terracina e infine gli Uffici di Gaeta e Formia presso il distaccamento di Formia;
  3. coloro che sono stati già formati effettuino dei cicli di aggiornamento, anche di più giornate considerate le recenti modifiche in materia;
  4. venga effettuato quanto prima l’aggiornamento di settore in materia di OMICIDIO STRADALE e che le volanti non intervengano in caso di sinistri con feriti gravi o decessi;
  5. si giunga in seno al preposto Comitato ad una reale ed attenta verifica del coordinamento delle forze di Polizia che faccia rispettare le competenze normativamente individuate.

In sintesi, che ognuno faccia ciò che deve fare e lo possa fare bene e per il bene di tutti.

LA SEGRETERIA PROVINCIALE

 

Follow me!