CORONAVIRUS

Prot. 10/2020

Latina, 31 gennaio 2020

AL SIGNOR QUESTORE

= S E D E =

Egregio Signor Questore,

la preoccupazione della polmonite da coronavirus, propagatasi in Cina e che col passare del tempo si sta diffondendo in tutto il mondo, per la quale il Dipartimento della P.S.., ha opportunamente emanato la nota n. 850 /A.P.1-694 datata 24 gennaio 2020 che fa un passaggio degno d’interesse della S.V., che recita:

“Alla luce di quanto sopra rappresentato, in relazione ai profili di interesse per il personale della Polizia di Stato si ritiene che ad oggi non si configurano particolari situazioni di allarme in Italia, pur raccomandando per i servizi istituzionali comportanti esposizioni a potenziali rischi, il rispetto delle misure di prevenzione delle malattie infettive diffuse e delle disposizioni per l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.), secondo le indicazioni già impartite da questa Direzione e , ad ogni buon fine, rinvenibili sui sottoelencati siti web istituzionali: Doppiavela – Polizia distato

Al riguardo, si richiama l’attenzione degli Uffici Sanitari della P. di S., a verificare la disponibilità dei dispositivi di protezione individuale, indicati dal documento del ministero della salute, accluso alla presente, da fornire in dotazione ai reparti operativi afferenti, organizzando eventualmente incontri frontali di retraining formativo del personale riguardo al corretto utilizzo degli stessi..

Per quanto sopra, questa O.S. nell’esercizio delle peculiarità riconosciute agli R.L.S., chiede di dare corso ad un’attività di verifica dei dispositivi di protezione individuali, prevedendo qualora non lo sia ancora stato fatto all’integrazione o alla fornitura dei medesimi.

Il S.I.UL.P., vista l’eccezionalità dell’evento, che sta preoccupando l’intero Pianeta, ritiene opportuno che la S.V. in ragione delle responsabilità in capo al datore di lavoro attribuite dal Decreto Legislativo 81/08, si attivi al fine di dotare di materiale idoneo (mascherine- gel- disinfettante – guanti ), tutto il personale che presta servizio in maniera stabile in settori come controllo del territorio, immigrazione, P.A.S., Ufficio Denunce, vigilanza etc.., che in qualsiasi momento può venir a contatto con persone provenienti dall’area contaminata, con potenziale rischio di esposizione e conseguente contagio.

Consapevoli della sua sensibilità, siamo certi di un tempestivo riscontro alla presente. L’occasione è gradita per inviarle distinti saluti.

Il Segretario Generale

Luigi IZZO

Originale agli atti

Follow me!