Ufficio del personale, drammatica carenza di personale, urgono rinforzi.

AL SIGNOR QUESTORE      S E D E

Oggetto: Ufficio del personale, drammatica carenza di personale, urgono rinforzi.

Egregio Signor Questore,

mi trovo costretto a richiamare nuovamente la sua attenzione per denunciare l’insostenibile carenza di organico presso l’ufficio del personale.

Quell’ufficio infatti, in particolar modo la sezione Matricola, nell’ultimo periodo ha avuto diversi dipendenti collocati in quiescenza, l’ultimo andrà in pensione entro fine mese, altro personale si trova in malattia da diverso tempo, tutto ciò senza che vi sia stata fino a questo momento un’adeguata sostituzione.

Ne consegue che allo stato, i dipendenti rimasti sono costretti ad espletare il medesimo carico di lavoro che espletavano quando l’organico era circa il doppio dell’attuale.

Egregio signor Questore, il SIULP ritiene che l’attenzione verso tale ufficio non può e non deve essere inferiore a quella di altri uffici, posto che i compiti di tale settore sono fondamentali e funzionali alla serenità di tutto il personale.

Sappiamo bene quanto quell’ufficio sia sottoposto ad un vero e proprio tour de force in un periodo in cui, dopo la revisione dei ruoli e delle carriere, vengono indetti concorsi interni uno dietro l’altro, spesso e volentieri sovrapponendosi uno all’altro.

Sappiamo bene quanta mole di lavoro ci sia nel dover istruire le pratiche di tutti i colleghi che a tali concorsi partecipano, nell’effettuare il conteggio ed il controllo dei titoli di ogni partecipante nei ridotti tempi imposti dalle date di scadenza delle varie procedure concorsuali.

Ho assistito personalmente a veri e propri momenti di puro stress quando i vari colleghi si accalcavano per chiedere notizie circa le modalità di partecipazione ai concorsi, per sollevare dubbi interpretativi sulle procedure, per rivendicare il conteggio di questo o di quel titolo.

Senza parlare dei carichi di lavoro per così dire “ordinari” ossia, l’istruzione delle domande di riconoscimento delle cause di servizio, il rinnovo delle tessere, il rilascio dei vari attestati, l’istruzione delle pratiche propedeutiche al collocamento in quiescenza ecc… ecc…

Peraltro, a ben vedere, si tratta di diretto ed esclusivo interesse dei colleghi che, hanno bisogno di contare su un Ufficio del Personale efficiente ed efficace, cosa che si potrà affermare solo quando i ranghi dell’ufficio medesimo saranno rimpinguati in maniera proporzionata, quanto meno nella misura minima che possa consentire a chi vi presta servizio di poter adempiere con serenità alle proprie mansioni.

Le chiedo quindi di considerare quanto urgente e reale sia la questione che le ho posto, e di porvi urgente rimedio, non potendomi esimere da una conclusione alla quale mi sono evidentemente già richiamato… a riduzione di organico deve corrispondere necessariamente una riduzione dei carichi di lavoro… i poliziotti non lavorano a cottimo.

In attesa di un quanto mai necessario riscontro, formulo i migliori saluti

Prot. 90/2020

Latina, 12 dicembre 2020  

Il Segretario Generale

Luigi IZZO

(originale firmato agli atti)

 

Follow me!

    Articolo successivo

    RICORSO PER RISARCIMENTO…….