O.P. Polizia Stradale.

AL SIGNOR QUESTORE SEDE

E, p.c. ;

AL DIRIGENTE LA SEZIONE DELLA POLIZIA STRADALE SEDE

AL SEGRETARIO GENERALE NAZIONALE DEL S.I.U.L.P. FELICE ROMANO. ROMA

Egregio Signor Questore,

I colleghi del distaccamento della Polizia Stradale di Formia, ci hanno rappresentato un episodio avvenuto nel corso del servizio di O.P. disposto dalla S.V. in occasione di una partita degli Europei di calcio, episodio che ha esasperato gli animi di quei colleghi e che, ahinoi... vede nuovamente protagonista in negativo il dirigente di quel commissariato.

Ci viene infatti riferito che in data 6 luglio u.s., una pattuglia della Polizia Stradale del Distaccamento di Formia comandata di O.P. a disposizione del locale Commissariato, con orario 19.00/01.00 dunque a disposizione del responsabile il servizio di O.P. che, in quanto tale, rappresentava l’Autorità di P.S., ovverosia la S.V.

Ebbene, sembra che alle ore 23.00 circa di quel giorno, mentre era in pieno svolgimento il servizio di O.P. (partita che volgeva al termine) sia giunta una chiamata al centralino del commissariato da parte della S.O. dell’arma, con cui si chiedeva l’intervento della pattuglia della Polstrada per un sinistro, senza feriti, dovuto all’investimento di un animale.

Sembra che alla risposta del collega del commissariato che aveva spiegato al suo omologo come al momento la pattuglia della stradale fosse impegnata in O.P., quest’ultimo, ovvero il carabiniere, abbia manifestato inopportuna contrarietà, giungendo a paventare l’intervento di non si sa bene quale suo ufficiale (come se al collega e ai poliziotti in generale dovesse in qualche modo interessare l’opinione di costui).

Ad ogni modo il collega pur non comprendendo il perché di tale atteggiamento da parte del collega dell’arma, non si faceva certo subordinare, replicando allo stesso che stava solo ottemperando alle disposizioni.

Questione chiusa???? Macché...

Evidentemente il collega dell‚Äôarma ha rappresentato a non si sa chi l‚Äôaccaduto, fatto sta che poco dopo il nostro collega riceve la telefonata dal suo Dirigente il quale, anzich√© rassicurare e ribadire che bene avevano fatto a non distogliere la stradale, che era impegnata come da ordinanza del Questore (con buona pace dei colleghi cc) si poneva invece in tutt‚Äôaltra maniera, ‚Äúcazziando‚Äù il collega, reo a suo dire di averlo fatto disturbare a quell‚Äôora tarda... (da chi non √® lecito saperlo) per poi, in barba a quanto disposto dal Questore, decideva di distogliere la stradale dall‚ÄôO.P., inviandola sul luogo del sinistro per effettuare i rilievi, appagando evidentemente la richiesta giunta.

Intervento ultimato alle ore 04.00 (ndr) !!!
Orbene alla luce di tutto ciò non possiamo esimerci dal porci alcune domande...

Ma che dirigente è quello che anziché difendere il giusto operato del suo personale fa una “cazziata” al collega accusandolo di averlo fatto disturbare..(SIC!).

Signor Questore, che dirigente è colui che anziché riferire all’interlocutore notturno che la stradale era in impegnata in O.P., ha aderito verosimilmente alla richiesta del rappresentante dell’arma comprimendo tra l’altro la figura del responsabile della Polizia di Stato che per l’occasione dell’evento così rilevante aveva a disposizione non solo il personale del commissariato ma addirittura anche quello della POLSTRADA???

E’ palese che il dirigente con la sua condotta si è discostato dalle disposizione da Lei impartite per un servizio specifico di O.P., impiego evidentemente valutato e disposto dalla S.V.

Tuttavia quello che più ci rimane difficile da digerire è il comportamento tenuto dal suo funzionario, che in realtà tutto ha fatto meno che fare il responsabile di un ufficio, addirittura andando contro il suo personale...

E meno male che l’O.P. non ha presentato criticità... in caso contrario saremmo stati curiosi di capire a chi sarebbero state addossate le responsabilità.

Signor Questore tutto ciò è da censurare e davvero ci da motivi di preoccupazione, visto che ancora una volta le logiche del citato dirigente risultano incomprensibili ai più... ma ciò che poi ci preoccupa è la facilità disarmante con cui viene disconosciuta l’autorità del Questore.... Fatto che, in tempi in cui le competenze previste dalla legge 121/81 sono da più parti messe in discussione, risulta per noi gravissimo soprattutto se a rendersene autore è un funzionario di polizia che tale autorità è chiamato a rappresentare.

Siamo certi che saprà trovare il modo affinché anche il dirigente del commissariato di Formia ottemperi come tutti noi alle Ordinanze del Questore, ma in primo luogo vorremmo che faccia in modo che i colleghi della Stradale quando impiegati in O.P., pertanto con tanto di ordinanza dell’autorità di P.S., possano pacificamente svolgere il proprio lavoro senza essere ogni volta dirottati altrove, consapevoli del fatto che oltre alla Polizia di Stato e alle sue peculiarità concorrono altri Enti..

Cordialmente..

Prot. n. 53/21 Latina, 26 luglio 2021

Il Segretario Provinciale

Costantino SAPUTO 

Originale firmato agli atti

Follow me!